CORI E FANFARE – SEZIONE DI BERGAMO

CORI E FANFARE – SEZIONE DI BERGAMO

Per chi fosse interessato/appassionato di musica e del canto corale alpino, giovane o non più giovane, ci si può rivolgere al gruppo alpini del paese che vi indicherà dove e chi poter contattare

COMMISSIONE CORI E FANFARE

La musica e il canto sono un tutt’uno con gli alpini, tanto che le canzoni alpine e di montagna fanno parte del patrimonio musicale di intere generazioni. La musica delle fanfare ha scandito le nostre marce nella vita militare e apre i nostri cortei nella vita civile, allieta le nostre feste, accompagna le nostre commemorazioni e le nostre cerimonie. I cori e le fanfare costituiscono una parte molto importante della nostra Associazione.

I cori raccontano la vita quotidiana sulle montagne, la natura, la gente e gli amori. Raccontano anche la guerra, che gli alpini esorcizzano col canto: cantano la casa, la famiglia, la valle lasciata per andare lontano, i commilitoni che non sono più tornati. Mantengono infine – fatto essenziale – una tradizione nella quale la gente si riconosce: non a caso i concerti degli alpini registrano ovunque il tutto esaurito.

Dal 2003 è stata istituita, per iniziativa dell’allora Presidente Sarti, una Commissione per coordinare e valorizzare le formazioni corali e musicali alpine presenti sul nostro territorio, realtà che costituiscono un patrimonio culturale e popolare della storia degli Alpini bergamaschi, storia di cui sono espressione viva.I cori raccontano la vita quotidiana sulle montagne, la natura, la gente e gli amori. Raccontano anche la guerra, che gli alpini esorcizzano col canto: cantano la casa, la famiglia, la valle lasciata per andare lontano, i commilitoni che non sono più tornati. Mantengono infine – fatto essenziale – una tradizione nella quale la gente si riconosce: non a caso i concerti degli alpini registrano ovunque il tutto esaurito.

Tale Commissione, composta negli anni da Taramelli Antonello, Facchinetti Remo, Mauro Agostinelli, Valle Marco e Brighenti Francesco, oltre al coordinamento delle varie manifestazioni sezionali, in questi anni di attività ha organizzato rassegne di Cori e di Fanfare di cui tre, ( due di Cori e una di Fanfare ), presso il teatro Donizetti, rassegne che hanno interessato tutti i Cori e le Fanfare Alpine della Sezione, ma soprattutto le manifestazioni per l’Adunata Nazionale a Bergamo del 2010, che ha visto la partecipazione di oltre ottanta Cori e oltre 30 fanfare alpini provenienti da tutte le sezioni d’Italia, e quelle per il 90° e 95° di fondazione della Sezione del 2011 e 2016, oltre che al 5° raduno nazionale delle Fanfare dei congedati delle cinque brigate alpine il 20 21 settembre 2014 al teatro Donizetti e al raduno nazionale dei cori delle 5 brigate in congedo il 22 aprile 2006 in occasione della giornata della solidarietà alpina al Palacreberg.

Scopo principale dell’Associazione Nazionale Alpini, come recita lo statuto, è quello di “tener vive le tradizioni e le caratteristiche degli Alpini “, e , senza dubbio, il canto e la musica, che hanno sempre scandito il ritmo della vita alpina, nei momenti difficili e in quelli più gioiosi, costituiscono un’espressione significativa dello sforzo di testimonianza di valori e di tradizioni proprie della gente di montagna.

Da qui la nascita, in seno all’Associazione, di CORI e FANFARE, movimenti con caratteristiche completamente diverse, ma entrambi costituiti o sostenuti nella maggior parte, con grande sacrificio da Gruppi Alpini.

L’Associazione Nazionale Alpini riconosce, al suo interno, una serie di formazioni corali, alle quali viene riconosciuta la qualifica di “CORO ANA”, formazioni che sono inserite nell’elenco dei Cori dell’Associazione Nazionale Alpini, elenco gestito dalla Commissione Nazionale Centro Studi ANA.

Ogni formazione per potersi fregiare della qualifica di “CORO ANA”, deve essere affiliata ufficialmente ad un Gruppo Alpino o ad una Sezione ed i suoi membri essere iscritti all’ANA come Soci Ordinari o Soci Aggregati.

La gestione della formazione corale è regolata, nei suoi indirizzi generali, dal Consiglio del Gruppo (se affiliata ad un Gruppo) e il Capogruppo ne è il responsabile o dal Consiglio della Sezione (se affiliata ad una Sezione) e il Presidente ne è il responsabile.

Lo scopo di un “Coro ANA” è promuovere la cultura corale degli Alpini in forma adeguata, mediante pubbliche esecuzioni, incisioni su dischi ed eventualmente edizioni musicali. Occupandosi più in generale di diffondere, in modo quanto più corretto e documentato possibile, i canti che il Coro sceglierà di inserire nel proprio repertorio, con particolare riferimento ai canti popolari italiani e quindi alle canzoni montanare, tradizionalmente cantate dagli Alpini. Lo scopo è raggiunto tramite l’adesione al Coro di volontari appassionati di canto ed il continuo addestramento per mezzo di un Maestro o Direttore del Coro.

I Cori si avvalgono in modo determinante e prevalente delle prestazioni volontarie e gratuite dei coristi e delle strutture gestionali che i Cori vorranno darsi.

I cori possono rivestire la forma della semplice aggregazione spontanea così come quella di una associazione dotata di autonomo statuto purché nel rispetto dello Statuto e Regolamento Nazionali ANA e del Regolamento della relativa Sezione. i rapporti tra cori e le rispettive Sezioni e/o Gruppi vengono disciplinati da ciascuna sezione in totale autonomia.

Fanfare

La  loro funzione  è  essenziale  in  ogni  manifestazione  non  solo alpina, ma  anche  religiosa, culturale  e  civile,  non  trascurando  inoltre  momenti  ricreativi.

Non  vi è  festa,  raduno  alpino  o  commemorazione,  in  cui  le  note  di  una  fanfara,  oltre  che  a  scandire  i  momenti  solenni  della  cerimonia,  non  riportino  al  ricordo, ai  valori  del  ricordo, alle  gesta  dei  tanti  giovani  Alpini  andati  avanti,  in  particolar  modo,  in  circostanze  tragiche  come  la  guerra.

Al  pari  dei  Cori,  anche  le  Fanfare  Alpine,  svolgono  un  ruolo importante  nella  testimonianza  di  solidarietà  e  di  vicinanza  degli  Alpini  ad  anziani,  malati  e  persone  meno  fortunate,  con  esibizioni  e  concerti.

Un  ruolo  importante  poi  le  Fanfare  lo svolgono  soprattutto,  nel  coinvolgimento  di  tanti  ragazzi  e  giovani,  con  corsi  formativi  e  preparatori  alla musica,  oggi più  che  mai  indispensabili,  non  solo  per  un’educazione  culturale,  ma  per  creare  nuove  leve ,  dopo  l’abolizione  del  servizio  militare  obbligatorio,  durante  il  quale,  molti  degli  attuali  musicanti, si  sono  formati.

 Alcune delle nostre Fanfare sono nate all’interno  dei  Gruppi  Alpini,  ma,  alcune  realtà, hanno dato  vita   a  nuove  formazioni  sulle  ceneri  di  antiche  bande  musicali  locali affiliandosi poi in un secondo tempo all’apporto  degli Alpini  dove è  determinante la  gestione esercitata direttamente dal  Gruppo  Alpini  locale.

Cori e Fanfare

Clicca qui per andare alla pagina dei cori e delle fanfare.

Scopri di più